Istituzione dell’Agenzia Unica per le Ispezioni del Lavoro

 ispezioni del lavoro

Una bozza del decreto attuativo del Jobs Act con obiettivo di “Razionalizzare e semplificare l’attività di vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale” prevede, dal gennaio 2016, l’istituzione dell’Agenzia unica per le ispezioni del lavoro.

L’Agenzia avrà sede centrale a Roma, con 18 sedi territoriali e seimila dipendenti circa. Tra le funzioni e attribuzioni, si legge nell’articolo 2 comma 2 lettera a) della bozza, l’Agenzia:

“indirizza e coordina, sulla base di direttive emanate dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, la vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale, ivi compresa la vigilanza in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro relativamente a cantieri edili, radiazioni ionizzanti, impianti ferroviari e verifica periodica degli ascensori e montacarichi ubicati nelle aziende industriali”.

L’AUIL raccoglierà i servizi ispettivi oggi erogati dal Ministero del Lavoro, dall’Inail e dall’Inps; questa ottimizzazione delle risorse dovrebbe portare ad un risparmio di circa 26 milioni di euro.

Il decreto non è ancora ufficiale e sono sorte le prime polemiche da parte dei sindacati del pubblico impiego. Secondo i sindacati  “la toppa sarebbe peggiore del buco” e “si spalancherebbero le porte al caos organizzativo».