Il decreto semplificazioni, attuativo del Jobs Act, ha abrogato dal 23 dicembre 2015 l’obbligo di tenuta del registro infortuni con ovvie ricadute sulla gestione della sicurezza sul lavoro nelle aziende.

registro infortuni

L’art. 21, comma 4 del decreto, rubricato “Semplificazioni in materia di adempimenti formali concernenti gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali”, dispone infatti l’abolizione, a decorrere dal 23.12.2015, dell’obbligo di tenuta del registro infortuni.

Dall’abrogazione non discende la facoltà per il datore di lavoro di procedere ad una valutazione dei rischi che non tenga conto degli eventi traumatici già verificatisi.

Il datore di lavoro dovrà comunque denunciare all’ INAIL gli infortuni occorsi ai dipendenti e ai prestatori d’opera.

Infine, in assenza di uno strumento legalmente codificato, non può non rilevarsi un’oggettiva difficoltà nella conduzione di un’efficace azione preventiva.

Fonte: IPSOA