L’allarme dell’Inail  sull’ infortunistica agricola

infortunistica agricola

l’Inail informa di aver completato il “Report annuale sugli infortuni mortali e con feriti gravi nel settore agricolo e forestale 2014”.

Il documento è stato redatto congiuntamente dal Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti, Prodotti e Insediamenti Antropici, che raccoglie le informazioni su infortuni e decessi nel settore agricolo o forestale, e dal gruppo Agricoltura del Coordinamento tecnico delle Regioni.

Il documento contiene i dati numerici ottenuti da un campione che comprende anche operatori per i quali non ricorre la tutela assicurativa dell’Inail.

Degli infortuni – gravi o mortali – vengono forniti dettagli sulle caratteristiche descrittive (es. dinamica dell’infortunio, macchina coinvolta, ecc.), al fine di orientare l’attività di ricerca verso lo sviluppo e la sperimentazione di tecnologie di sicurezza e per contribuire a supportare le politiche di prevenzione, realizzate in particolare a livello regionale, nel settore agro-forestale.

L’Inail però avverte che – nonostante la recente creazione di uno specifico documento osservazionale – si registra un numero sempre più alto di incidenti gravi non denunciati. Secondo i dati delle forze dell’ordine la causa di queste mancanze sarebbe da ricercarsi nella condizione giuridica dei lavoratori infortunati spessi immigrati clandestini o detentori di visti scaduti.