Rovato (Brescia), 18 gennaio 2018 – È morto nella notte Luca Lecci, operaio diciannovenne di Villa Carcina che, mercoledì 17 gennaio, era rimasto schiacciato dal tornio con cui stava lavorando sotto gli occhi del padre, titolare dell’azienda in cui è avvenuto l’incidente.

Secondo la ricostruzione fornita dai carabinieri di Chiari, intervenuti ieri pomeriggio, il ragazzo stava effettuando lavori di fresatura quando una manica del maglione è rimasta incastrata nel tornio che non si è fermato e ha trascinato con sé il ragazzo, schiacciandolo. Il giovane è morto agli Spedali Civili di Brescia dove era stato trasportato in condizioni molto gravi tramite eliambulanza.

Il primo a prestargli soccorso era stato proprio il padre, presente in azienda al momento della tragedia.

Per i sindacati è “inaccettabile morire a 19 anni sul lavoro, è una sconfitta di tutti“.

Fonte: IlGiorno