Relazione annuale INAIL anno 2014 infortuni – morti sul lavoro – malattie professionali

Relazione annuale INAIL 2014

Come ogni anno INAIL ha presentato la relazione relativa al numero di infortuni, di morti sul lavoro e di denunce di malattie professionali occorse nel corso dell’anno precedente: la relazione conferma “il proseguimento dell’andamento decrescente del numero di infortuni”.

Nel 2014 sono state registrate 663 mila denunce di infortuni. Rispetto al 2013 si ha una diminuzione di circa il 4,6%.

Delle 663 mila denunce, gli infortuni effettivamente riconosciuti sul lavoro sono stati circa 437 mila, di cui il 18% si sono verificati fuori dall’azienda (“infortuni in itinere”).

Le morti accertate sul lavoro nel 2014 sono state 662.

Relativamente alle morti sul lavoro si sottolinea come più del 54% degli infortuni sia avvenuto “fuori dell’azienda” (358 casi), ovvero durante il tragitto per il lavoro o nello svolgimento di un’attività che implicava il ricorso a un mezzo di trasporto.

Le denunce di malattie professionali nel 2014 sono state circa 57 mila e 400, la cui causa professionale è stata riconosciuta al 35% delle stesse (la maggior parte di denunce sono riferite a patologie asbesto-correlate e a malattie osteomuscolari).

I lavoratori deceduti nel 2014 con riconoscimento di malattia professionale sono 1488 (età del decesso > 74 anni).

Di seguito il link per scaricare il testo completo della Relazione annuale INAIL infortuni – morti sul lavoro – malattie professionali 2014:

Fonte : Relazione annuale INAIL 2014 – infortuni, morti sul lavoro, malattie professionali

[wpdm_package id=’16586′]