Saldatura: analisi dei rischi dal punto di vista sanitario

Al giorno d’oggi possiamo contare un gran numero di lavoratori che più o meno sporadicamente eseguono lavori di saldatura. SUVA, istituto svizzero per l’assicurazione e la prevenzione degli infortuni ha pubblicato un approfondimento dal titolo “Rischi sanitari della saldatura”.

SALDATURA SICUREZZA LAVORO

Il documento introduce l’argomento sanitario descrivendo alcuni dei principali processi (per pressione, per fusione, brasatura, taglio) per poi passare all’analisi delle più importanti sostanze pericolose per la salute nella saldatura: fumo, gas, vapori e polveri possono contenere Nichel, Cromo, Piombo, Rame, Zinco, Stagno, Cadmio, Alluminio, Ozono, Monossido di carbonio, ossidi di azoto.

Vengono successivamente elencate e analizzate le malattie sviluppabili a seconda della sostanza pericolosa: malattie alle vie aeree, al sistema nervoso, febbre da inalazione di fumi metallici, neoplasie maligne, malattie agli occhi, alla cute, all’apparato riproduttivo o apparato locomotore e le corrette misure di prevenzione.

Si rimanda ad una lettura integrale del documento per approfondimenti circa i problemi sanitari correlati alle più importanti sostanze pericolose per la salute.

Di seguito il link per scaricare il documento – rischi sanitari della saldatura – SUVA

N.B. – Le indicazioni normative contenute nel documento di Suva, anche con riferimento al riconoscimento delle malattie professionali, riguardano la realtà svizzera. Le indicazioni riportate possono essere comunque di utilità per tutti i lavoratori.

[wpdm_package id=’15289′]