Prevenzione Incendi

PROVA DI EVACUAZIONE

Cos’è?

Nelle aziende con più di 10 lavoratori, o in realtà considerate a rischio di incendio medio o elevato, la normativa prevede l’effettuazione di almeno una prova di evacuazione all’anno, oltre alla rendicontazione della Valutazione dei Rischi.

A chi si rivolge?

Se durante l’effettuazione della valutazione dei rischi (DVR) sono stati individuati i requisiti che rendono necessaria l’elaborazione del piano di emergenza, al fine di verificare il corretto funzionamento della macchina organizzativa si procederà almeno una volta all’anno a simulare un’emergenza, questo per favorire la prevenzione incendi e preparare il personale.

I nostri servizi:

Ecloga Italia S.p.A. offre preventivi su misura, grazie ad una attenta analisi dell’impegno stimato.

Al fine di realizzare una corretta prova di evacuazione, sono inclusi nel nostro Servizio:

Riunione con il personale individuato nel piano di emergenza, o meglio ancora con tutto il personale presente, al fine di “ripassare” quanto è stato previsto (chi fa cosa, come)
Simulazione emergenza non gestibile dal personale interno, con misura dei tempi.
Riunione post emergenza per individuare i punti critici emersi (ad es: tempo impiegato, mancata allerta personale individuato come addetto, ecc.)
Stesura di verbale relativo a quanto effettuato.
Una volta elaborato il verbale della prova di evacuazione si procede alla consegna e spiegazione al cliente.

Modalità di svolgimento:

L’esecuzione della prova di evacuazione ha durata variabile a seconda delle dimensioni della Azienda Cliente (più o meno complessa), del numero di persone coinvolte nelle riunioni pre e post simulazione, delle problematiche presentatesi durante l’effettuazione del test.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

La nostra Azienda ha a disposizione tecnici che vantano esperienza pluriennale avendo supervisionato prove di evacuazione in differenti realtà lavorative, dalla più semplice (ad es. ufficio) alla più complessa (ad es. ufficio strutturato su più piani, realtà produttive con diversi edifici all’interno dello stesso complesso).

Possiamo quindi sostenere che i consulenti tecnici di Ecloga Italia S.p.A. hanno capacità ed esperienza tali da poter effettuare tale servizio nel modo più corretto e preciso.

PIANO DI EMERGENZA

Cos’è?

La normativa prevede l’elaborazione del piano di emergenza nelle aziende con più di 10 lavoratori, o in realtà considerate a rischio di incendio medio o elevato,

A chi si rivolge?

Alle Aziende in cui, durante la realizzazione della valutazione dei rischi (DVR) si sono presentati i requisiti che rendono necessaria l’elaborazione del piano di emergenza.

I nostri servizi:

individuazione dei potenziali scenari di emergenza che si possono verificare nel contesto specifico (es. Incendio, Esplosione, Sversamento, Allagamento, Terremoto..);
definizione ed indicazione azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di emergenza;
definizione ed indicazione delle procedure per l’evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti;
elaborazione di un formale piano di emergenza da applicare e diffondere tra i lavoratori
elaborazione delle planimetrie di emergenza con indicazione di:
uscite di emergenza
vie di esodo
posizionamento mezzi estinguenti e altri presidi di emergenza
pulsanti di sgancio
pulsanti di allarme
Nel caso di contratti di mantenimento la nostra Società offre un aggiornamento annuale e/o in occasione di variazione dei livelli di rischio e/o dei processi di lavoro.

Una volta firmato il contratto con Ecloga Italia S.p.A., sono previsti i seguenti passaggi al fine di elaborare nel miglior modo il Piano di Emergenza:

Sopralluogo tecnico, con analisi delle vie di fuga, dei dispositivi di emergenza presenti (ad es. allarme antincendio automatico, ad azionamento manuale, ecc)
Raccolta dei dati inerenti la formazione del personale presente, la presenza dello stesso (chi ha fatto quali corso, quando è in ufficio)
Determinazione delle procedure di evacuazione.
Elaborazione, basandosi su quanto raccolto presso il Cliente, del Piano di Emergenza
Elaborato il Piano di Emergenza, si provvede poi alla illustrazione della documentazione redatta.

Modalità di svolgimento:

Il sopralluogo tecnico può richiedere più o meno tempo a secondo della realtà aziendale (più o meno complessa) e del numero di persone individuabili / individuate come addetti.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

All’interno del nostro staff sono presenti tecnici che vantano esperienza pluriennale, ed hanno realizzato più Piani di Emergenza, per diverse realtà lavorative, dalla più semplice (ad es. ufficio) alla più complessa (ad es. ufficio strutturato su più piani, realtà produttive con diversi edifici all’interno dello stesso complesso).

Possiamo quindi affermare che i consulenti tecnici di Ecloga Italia S.p.A. hanno competenze tecniche ed una esperienza tali da risultare efficienti in ogni tipologia di realtà/problematica inerente la sicurezza sul lavoro.

PLANIMETRIE DEL PIANO DI EMERGENZA

Nelle aziende con più di 10 lavoratori, in realtà considerate a rischio di incendio medio o elevato, in realtà complesse, la normativa prevede la realizzazione di planimetrie con indicazione delle vie di fuga, dei presidi antincendio presenti, dei pulsanti di allarme antincendio (se presente), oltre all’elaborazione del piano di emergenza.

Cos’è?

Se durante l’effettuazione della valutazione dei rischi (DVR) si è rilevata la sussistenza dei requisiti che rendono necessaria l’elaborazione, oltre al piano di emergenza, delle relative planimetrie.

A chi si rivolge?

Noi di Ecloga Italia S.p.A. non utilizzamo un listino prezzi predefinito, ma in funzione della realtà in esame, elaboriamo un preventivo personalizzato.

Il contratto con noi di Ecloga Italia S.p.A., prevede i seguenti passaggi al fine di elaborare il Piano di Emergenza:

Sopralluogo tecnico, con analisi delle vie di fuga, dell’ubicazione dei presidi antincendio, dei presidi sanitari, del quadro elettrico generale, della valvola intercettazione mandata gas (se presente), del luogo ove si prevede l’affissione planimetria/e del piano di emergenza.
Analisi rispondenza tra le planimetrie eventualmente in possesso del cliente e la realtà effetiva.
Elaborazione planimetria/e
Al termine della rendicontazione del Piano di Emergenza si procede poi alla consegna e spiegazione al cliente di quanto redatto.

I nostri servizi:

Il sopralluogo del nostro tecnico ha unadurata differente a seconda della realtà aziendale (più o meno complessa).

Modalità di svolgimento:

Il nostro staff dispone di tecnici altamente qualificati che vantano esperienza pluriennale, ed hanno esperienza di planimetrie allegate ai piani di emergenza per ogni tipologia di realtà lavorativa, dalla più semplice (ad es. ufficio) alla più complessa (ad es. ufficio strutturato su più piani, realtà produttive con diversi edifici all’interno dello stesso complesso).

Possiamo quindi affermare che i nostri consulenti tecnici hanno capacità tecniche e competenze ai più alti livelli di mercato.

PARERE DI CONFORMITA’ ANTINCENDIO

Cos’è?

Il Parere di Conformità Antincendio è una richiesta di valutazione progetto di prevenzione incendi (Mod. Pin1) alla quale deve essere allegata la documentazione prescritta dal Comando dei Vigili del Fuoco.

A chi si rivolge?

Sono tenuti a fare richiesta al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco le aziende che pianificano progetti di nuovi impianti/costruzioni oppure di modifiche a quelli esistenti.

I nostri servizi:

Ecloga Italia S.p.A., per ogni contratto, prevede i seguenti passaggi per l’elaborazione di un Parere di conformità antincendio:

Sopralluogo presso l’azienda per raccolta informazioni
Elaborazione della documentazione tecnico progettuale predisposta sulla base delle istruzioni del Comando Provinciale VV.FF.

Modalità di svolgimento:

Il sopralluogo tecnico ha durata variabile a seconda della complessità della realtà aziendale e dalla presenza di documentazione/informazioni già all’interno dell’Azienda.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

La nostra capacità di personalizzare il servizio a seconda delle esigenze dell’azienda e la competenza del personale tecnico.

CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI

Cos’è?

Il certificato di prevenzione incendi (CPI) è un attestato che certifica il rispetto della normativa prevenzione incendi, ossia certifica la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio.

La documentazione da presentare per ottenere il certificato di prevenzione incendi è sottoscritta dal responsabile dell’attività; l’asseverazione allegata, attestante la conformità dell’attività ai requisiti di prevenzione incendi e di sicurezza antincendio è sottoscritta da un tecnico abilitato all’esercizio della professione.

Le dichiarazioni e certificazioni prodotte a corredo in alcuni casi sono sottoscritte dal tecnico incaricato del coordinamento/direzione/sorveglianza lavori, in altri da un professionista antincendio iscritto negli albi del Ministero dell’Interno, come indicato nel d.m. 7 agosto 2012.

A chi si rivolge?

E’ necessario predisporre il CPI nel caso in cui l’attività rientri tra quelle riportate nell’allegato I del D.P.R. 151/11

I nostri servizi:

Analisi della realtà in esame, raccolta della documentazione presente.
Elaborazione progetto antincendio.
Verifica possesso requisiti necessari e rispondenza tra quanto indicato nel progetto e quanto presente nella realtà (asseverazione)
Raccolta documentazione e presentazione Segnalazione Certificata Inizio Attività (S.C.I.A.)
Per le attività in categoria A non sarà più necessaria la presentazione del progetto antincendio al Comando ma verrà consegnato direttamente al Cliente e successivamente si procederà presentando la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), allegando certificazioni e dichiarazioni varie, mettendosi a disposizione per eventuali controlli (a campione entro 60 giorni).
Per le attività in categoria B sarà necessario l’esame progetto. Al termine dei lavori si procederà presentando la SCIA(Segnalazione Certificata di Inizio Attività), allegando certificazioni e dichiarazioni varie, mettendosi a disposizione per eventuali controlli (a campione entro 60 giorni).
Per le attività in categoria C sarà necessario l’esame progetto. Al termine dei lavori si procederà presentando la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), allegando certificazioni e dichiarazioni varie, mettendosi a disposizione per eventuali controlli. I VVF effettueranno il sopralluogo e se tutto sarà conforme verrà rilasciato il CPI.

Modalità di svolgimento:

Il sopralluogo tecnico ha durata variabile a seconda della complessità della realtà aziendale e dalla presenza di documentazione/informazioni già all’interno dell’Azienda.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

La nostra capacità di personalizzare il servizio a seconda delle esigenze dell’azienda e la competenza del personale tecnico.

RINNOVO CPI

Cos’è?

Il certificato di prevenzione incendi (CPI) è un attestato che certifica il rispetto della normativa prevenzione incendi, ossia certifica la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio.

Il certificato di prevenzione incendi è rilasciato dal comando provinciale dei vigili del fuoco. Il CPI certifica quindi che la situazione verificata dai vigili del fuoco è conforme alle norme antincendio.

Il CPI (certificato di prevenzione incendi) deve essere rinnovato periodicamente e/o a seguito di modifiche sostanziali dell’attività.

A chi si rivolge?

E’ necessario predisporre/rinnovare il CPI nel caso in cui si vogliano apportare modifiche ad una delle attività riportate nell’allegato I del d.P.R. 151/11

I nostri servizi:

Ecloga Italia S.p.A., per ogni contratto, prevede i seguenti passaggi per l’ottenimento del CPI:

Sopralluogo presso l’azienda per raccolta informazioni
Consulenza circa le modifiche da apportare all’attività al fine di ottenere il CPI
Elaborazione della documentazione tecnico progettuale predisposta sulla base delle istruzioni del Comando Provinciale VV.FF.

Modalità di svolgimento:

Il sopralluogo tecnico ha durata variabile a seconda della complessità della realtà aziendale e dalla presenza di documentazione/informazioni già all’interno dell’Azienda.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

La nostra capacità di personalizzare il servizio a seconda delle esigenze dell’azienda e la competenza del personale tecnico

VOLTURA CPI

Cos’è?

Il certificato di prevenzione incendi (CPI) è un attestato che certifica il rispetto della normativa prevenzione incendi, ossia certifica la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio.

Il certificato è rilasciato dal comando provinciale dei vigili del fuoco. Il CPI certifica quindi che la situazione verificata dai vigili del fuoco è conforme alle norme antincendio.

A chi si rivolge?

La Voltura al Certificato di Prevenzione Incendi è necessaria ogni qualvolta si voglia modificare l’intestatario dell’attività di lavoro.

I nostri servizi:

Ecloga Italia S.p.A., per ogni contratto, prevede i seguenti passaggi per l’ottenimento del Certificato di prevenzione incendi (cpi):

Sopralluogo presso l’azienda per raccolta informazioni
Elaborazione della documentazione tecnico progettuale predisposta sulla base delle istruzioni del Comando Provinciale VV.FF.

Modalità di svolgimento:

Il sopralluogo tecnico ha durata variabile a seconda della complessità della realtà aziendale e dalla presenza di documentazione/informazioni già all’interno dell’Azienda.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

La nostra capacità di personalizzare il servizio a seconda delle esigenze dell’azienda e la competenza del personale tecnico

PRESENTAZIONE SCIA

Cos’è?

La SCIA – Segnalazione Certificata di Inizio Attività – è la dichiarazione che consente alle imprese di iniziare, modificare o cessare un’attività produttiva senza dover più attendere i tempi e l’esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti. La SCIA, produce infatti effetti immediati.

A chi si rivolge?

Tutte le aziende devono presentare la SCIA a meno che:

non producano, con impianti o macchine, emissioni in atmosfera ai sensi del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
non abbiano scarichi idrici di tipo produttivo;
non producano rifiuti speciali pericolosi;
non abbiano un significativo impatto rumoroso con l’ambiente.

I nostri servizi:

Ecloga Italia S.p.A., per ogni contratto, prevede i seguenti passaggi per l’elaborazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.):

Sopralluogo presso l’azienda per la raccolta dei dati da inserire nella segnalazione
Elaborazione della SCIA utilizzando la modulistica prevista dalla enti preposti

Modalità di svolgimento:

Il sopralluogo tecnico ha durata variabile a seconda della complessità della realtà aziendale e dalla presenza di documentazione/informazioni già all’interno dell’Azienda.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

La nostra capacità di personalizzare il servizio a seconda delle esigenze dell’azienda e la competenza del personale tecnico

PROVA DI PRESSIONE IDRANTI

Cos’è?

La Prova della Pressione Idranti verifica lo stato degli idranti all’interno degli edifici.

A chi si rivolge?

Tutte le attività incluse nel DM 16/02/82, circolare MI.SA n° 25 quindi depositi e industrie pericolose rientranti nelle 97 attività soggette alle visite ed ai controlli di prevenzione incendi.

I nostri servizi:

Le prove di pressione degli idranti possono essere richieste preventivamente ad una pratica di prevenzione incendi, o direttamente dagli enti competenti.

Modalità di svolgimento:

Le prove della pressione degli idranti sono eseguite direttamente sulla rete idrica antincendio esistente almeno una volta l’anno, per verificarne l’efficienza. Mediante uno apposito strumento viene valutata la misurazione e verificata l’efficienza.

La prova deve essere ripetuta annualmente.

Cosa ci distingue dalle altre Società?

La nostra capacità di personalizzare il servizio a seconda delle esigenze dell’azienda e la competenza del personale tecnico