Distanze dalle linee elettriche: quali norme per la sicurezza?

Il D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 stabilisce all’allegato IX le distanze da linee e impianti elettrici, riassunte nella seguente tabella:

Distanze dalle linee elettriche

La materia è inoltre regolata da una norma tecnica europea, la norma CEI EN 50110-1, ed. II, 2005-2, CEI 11-48, fasc. 7523, che prescrive le modalità operative sicure di attività di lavoro, sia sugli impianti elettrici sia nelle vicinanze degli stessi.

Le linee elettriche sono classificabili in funzione della tensione di esercizio in quattro gruppi, ovvero linee ad altissima tensione, linee ad alta tensione, linee a media tensione e linee a bassa tensione.

Le linee ad altissima e alta tensione sono linee aeree, con due o più conduttori mantenuti ad una certa distanza da tralicci metallici e sospesi a questi ultimi mediante isolatori. L’elettricità ad alta tensione viene trasportata in trifase da terne di conduttori fino alle cabine primarie di trasformazione, poste in prossimità dei centri urbani, nei quali la tensione viene abbassata a un valore tra 5 e 20 kV e si attua il passaggio alla corrente monofase che viene poi utilizzata dalle utenze domestiche, mentre per le aziende viene consegnata anche corrente trifase.

Queste nuove distanze di sicurezza, ora variabili in base alla tensione presente e non più indicate in misura fissa, hanno lo scopo di portare una maggiore sicurezza sul lavoro nei pressi delle linee elettriche, in modo da ridurre gli incidenti derivanti dal possibile contatto con le stesse.