Lo stress è la risposta/adattamento dell’organismo agli stimoli dell’ambiente esterno. Quando gli stimoli sono troppo intensi o durano troppo a lungo nel tempo, la risposta può del nostro corpo può diventare disfunzionale; il soggetto non è più in grado di soddisfare le richieste dell’ambiente esterno e si ha il “distress” (stress negativo).

Stress lavoro correlato

Lo stress negativo legato al mondo del lavoro può portare a:

Atteggiamenti di fuga dal lavoro

  • Ritardo cronico
  • Assenteismo
  • Intolleranza al posto di lavoro
  • Infortuni frequenti

Decremento delle performance

  • Aumento degli errori
  • Aumento della lentezza
  • Trascuratezza

Difficoltà nelle relazioni personali

  • Incapacità di collaborazione con i colleghi
  • Mancanza di socializzazione
  • Rifiuto delle regole

Manifestazioni morbose

  • Ansia
  • Difficoltà di concentrazione
  • Cefalea
  • Disturbi gastrointestinali/dermatologi
  • Abuso di sostanze

Le conseguenze di tutto ciò portano a disagi non solo nel lavoratore e nell’azienda presso cui lavora, ma ricadono sull’intera collettività in termini di aumento di costi sanitari e previdenziali.

L’art. 28 del D.lgs 81/08 prevede che la valutazione dei rischi debba riguardare tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori compreso il rischio stress lavoro correlato.

La Regione Lombardia e l’Inail, in collaborazione con il Centro regionale di riferimento per lo Stress lavoro correlato, hanno realizzato un interessante opuscolo interattivo sulla “Valutazione e gestione del rischio stress lavoro-correlato nelle aziende”.

Si riporta di seguito il link all’ opuscolo sopracitato.

[wpdm_package id=’18159′]