lavasecco

Nel comparto delle lavanderie e dei lavasecco sono diversi i rischi per gli operatori, sia dal punto di vista del rischio chimico (lavaggio, pulitura e smacchiatura), che per quello meccanico. Il lavoro delle lavanderie può essere sintetizzato nelle seguenti fasi:

  • Ingresso biancheria da lavare
  • Cernita della biancheria
  • Lavaggio
  • Essiccazione della biancheria
  • Stiratura
  • Piegatura
  • Confezionamento
  • Magazzino spedizioni
  • Consegna al cliente

A seconda delle dimensione dell’attività il ciclo di lavoro può essere organizzato in modo diverso, ma tendenzialmente le macchine utilizzate per il lavaggio, smacchiatura, stiratura, ecc sono le seguenti :

– MACCHINA LAVASECCO

Nel lavaggio a secco il processo di detersione dei tessuti prevede l’uso di prodotti chimici  (tetracloroetilene), tali sostanze potrebbero comportare un rischio per la salute degli operatori.

E’ una buona norma pertanto:

  • controllare periodicamente lo stato e l’ermeticità dei tubi di afflusso dei prodotti chimici
  • attenersi alle istruzioni di lavoro, agire con prudenza durante le operazioni di carico e scarico della macchina
  • controllare periodicamente il meccanismo di bloccaggio degli sportelli di carico/scarico
  • utilizzare i dispositivi di protezione individuale come indicato nella scheda di sicurezza del prodotto
  • rendere accessibili le schede di sicurezza a tutti gli operatori
  • informare/formare il personale su tutti i possibili rischi
  • stilare delle procedure per le operazioni di travaso delle sostanze pericolose.

– PRESSE STIRANTI:

Vengono utilizzate per agevolare le operazioni di stiro, permettendo di risparmiare una notevole tempo, ma quali accorgimenti adottare?

  • mettere in sicurezza la zona stiro, garantire un adeguato spazio durante l’operazione
  • pulire periodicamente la macchina ed eseguire le adeguate manutenzioni.

– NASTRI TRASPORATORI:

Rappresentano la soluzione ottimale ai problemi inerenti la movimentazione e l’immagazzinamento dei capi appesi.

Essendo delle macchine in movimento è necessario non sottovalutare il rischio meccanico, ecco alcuni accorgimenti:

  • posizionare il nastro trasportatore ad un’altezza adeguata per gli operatori
  • far eseguire la manutenzione solo al personale esperto
  • assicurarsi che le parti in movimento della macchina non entrino mai in contatto con le parti del corpo dell’operatore
  • assicurarsi della presenza di un interruttore di emergenza.

Per una corretta gestione del rischio è necessario che i lavoratori in base alla formazione/informazione ricevuta:

  • si attengano sempre alle procedure di lavoro

segnalino eventuali carenze nella sicurezza e nel funzionamento delle macchine.

Fonte: INAIL