Il rischio di rapina nei luoghi di lavoro

rischio di rapina

Il datore di lavoro nel redigere il Documento di Valutazione dei Rischi (D.lgs 81/08) deve valutare tutti i rischi, compreso (ove presente) il rischio di rapina.

Nell’ambito di ciò che viene di solito genericamente denominato “rischio rapina” si possono riconoscere due distinte tematiche correlate tra loro:

  • il rischio di subire una rapina dato dalla probabilità del verificarsi dell’evento stesso
  • il rischio di subire traumi fisici e psichici a seguito dell’atto criminoso.

Il primo rischio è influenzato da diversi fattori:

  • l’appetibilità del bottino
  • l’ubicazione e la tipologia fabbricato (luogo isolato o affollato)
  • l’accessibilità alla custodia dei valori
  • la tipologia di attività (banche, centri commerciali, stazioni di servizio ect)
  • le potenziali vie d’accesso utilizzabili dagli eventuali rapinatori durante gli orari di apertura

Le misure di prevenzione atte a minimizzare il rischio prevedono:

  • la presenza di due persone contemporaneamente durante l’apertura al pubblico
  • l’istallazione di un impianto di videosorveglianza (segnalato da apposita cartellonistica)
  • il deposito giornaliero dell’incasso in banca, anche più volte al giorno a secondo dell’esigenza

Il secondo, ossia il rischio post rapina è dato dalla probabilità che i dipendenti (e le altre persone legittimamente presenti al suo interno) possano patire dei traumi fisici e psichici a seguito di una rapina.

Ad elevare il rischio una volta che la rapina è in corso possono concorrere:

  • il comportamento aggressivo del rapinatore
  • eventuali reazioni improprie dei dipendenti o dei clienti
  • la durata della rapina
  • l’uso delle armi da parte delle forze dell’ordine o delle guardie private.

Il verificarsi dell’atto illecito indica che le misure antirapina non sono riuscite ad impedire l’ingresso del rapinatore. Si crea pertanto una situazione d’emergenza, da cui possono derivare significativi traumi fisici o psichici sia per i lavoratori che per le persone presenti.

La gravità delle conseguenze possono dipendere da:

  • i comportamenti del rapinatore
  • le reazioni dei dipendenti o delle altre persone presenti
  • la durata della rapina

A seguito dell’evento traumatico i lavoratori e le altre persone potrebbero concretizzare dei disturbi di natura psicofisica.

I disturbi post traumatici da stress possono essere accompagnati da una serie sintomi:

  • spossatezza
  • difficoltà nella concentrazione
  • insonnia
  • nervosismo
  • forte agitazione

E’ pertanto necessario adottare tempestivamente delle azioni di sostegno psicologico, in modo da sviluppare le strategie adeguate per la gestione dei sintomi da stress (come ad esempio assistere il personale che ha subito la rapina attraverso la consulenza di uno psicologo).

Se da un lato una corretta attuazione delle misure antirapina permette di contrastare il rischio, anche la formazione e l’informazione preventiva del rischio post traumatico rivestono un ruolo importante, in quanto una buona conoscenza delle procedure da adottare in caso di emergenza può aiutare a limitare i danni e al contempo permettere di gestire al meglio l’evento spiacevole.

[wpdm_package id=’16465′]