La Collaborazione Nel Processo Di Valutazione Del Rischio

La Collaborazione Nel Processo Di Valutazione Del Rischio

La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro si concretizza attraverso un processo di valutazione dei rischi, il cui scopo principale è quello di individuare o mettere in atto le misure di prevenzione appropriate. La valutazione del rischio è un processo interdisciplinare in capo al datore di lavoro, quest’ultimo nello svolgimento delle sue funzioni si avvale di altre figure:

  • RSPP
  • MC
  • RLS/RLST

I principali momenti di collaborazione sono:

  • il sopralluogo negli ambienti di lavoro, in questa fase si possono acquisire informazioni utili per definire e valutare i rischi aziendali
  • la riunione periodica annuale (è obbligatoria solo per le unità produttive con più di 15 lavoratori, ma può essere effettuata, dietro richiesta dell’RLS/RLST anche in quelle con meno di 15 lavoratori).

Nonostante sussista l’obbligo per il datore di lavoro (art.18 del D.Lgs. 81/08)  di collaborare con queste figure (RSPP;MC;RLS/RLST), diverse sono le sentenze della Cassazione che lo hanno visto imputato per non aver collaborato attivamente con il servizio di prevenzione e protezione o con il medico competente nell’individuazione dei fattori di rischio.

A questo proposito è possibile consultare la deliberazione del 22 dicembre 2014 n. 1721 della regione Umbria che contiene le linee di indirizzo relative alle “modalità di collaborazione nella valutazione del rischio in azienda“: un utile strumento utile per rendere dimostrabile ed efficace la gestione di questo importante processo aziendale.

Fonte: Deliberazione della Giunta Regionale 22 dicembre 2014, n. 1721

[wpdm_package id=’15886′]