Rischi Fisici

Il rischio da agenti fisici è definito all’interno del Titolo VIII del D.Lgs. 81/08 e con esso si intendono: il rumore, gli ultrasuoni, gli infrasuoni, le vibrazioni meccaniche, il microclima degli ambienti termici severi, le radiazioni ottiche artificiali (incoerenti e coerenti) e naturali (UV), i campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, le radiazioni ionizzanti, le atmosfere iperbariche e ipobariche. Nelle realtà in cui sono presenti uno o più dei rischi precedentemente elencati, si devono effettuare le necessarie valutazioni.

Valutazione dei rischi da esposizione a rumore

È un documento di valutazione del rischio specifico, mirato all’individuazione delle azioni da intraprendere nel caso di attività che prevedono esposizione a rumore negli ambienti di lavoro. Si rivolge alle aziende che prevedono la presenza di fonti di rumore significative, come attività produttive con uso di macchine e/o attrezzature. Sulla base dei risultati delle misurazioni eseguite si procede quindi all’individuazione delle azioni correttive/migliorative al fini di minimizzare o eliminare il rischio per i lavoratori.

Valutazione dei rischi da esposizione a vibrazioni meccaniche

È un documento di valutazione dei rischi specifico, mirato all’individuazione delle azioni da intraprendere nel caso di attività che prevedono esposizione a vibrazioni meccaniche negli ambienti di lavoro. Si rivolge alle aziende che prevedono l’utilizzo di strumenti vibranti per il sistema mano-braccio, come trapani portatili, avvitatori, smerigliatrici angolari e per il corpo intero, come carrelli elevatori. Tramite la misurazione strumentale delle vibrazioni a cui sono esposti i lavoratori e la successiva raccolta ed elaborazione dei dati rilevati, si procede alla redazione del documento nel rispetto di quanto previsto dalla normativa. Sulla base dei risultati ottenuti si procede quindi all’individuazione delle azioni correttive/migliorative al fini di minimizzare o eliminare il rischio per i lavoratori.

Valutazione dei rischi da esposizione a campi elettromagnetici

La Valutazione dei Rischi da Esposizione a Campi Elettromagnetici (CEM) analizza le possibilità da parte di fonti elettromagnetiche di creare danni alla salute dei lavoratori e le modalità per risolvere o eliminare eventuali sovraesposizioni per il corpo umano. Si rivolge alle aziende che possiedono apparecchiature in grado di produrre campi elettromagnetici, dai semplici PC alle cabine elettriche.

Valutazione dei rischi da esposizione a radiazioni ottiche artificiali

Se in azienda sono presenti macchine e/o attrezzature che possono dare origine a radiazioni ottiche artificiali (ROA), risulta necessario effettuare la valutazione dei rischi specifica secondo le indicazioni contenute nel D.Lgs. 81/08. La valutazione del rischio ROA può rendersi necessaria in caso di presenza di saldatrici, apparecchiature laser, lampade germicida per sterilizzazione e disinfezione, lampade/sistemi LED per fototerapia, lampade abbronzanti, ecc

Valutazione delle condizioni microclimatiche nei luoghi di lavoro

La valutazione delle condizioni microclimatiche nei luoghi di lavoro consente di determinare attraverso un’analisi qualitativa dell’aria i possibili rischi per la salute dovuti ad esempio a sbalzi termici, temperatura, umidità, velocità dell’aria, eccetera. Si rivolge alle aziende che presentano condizioni microclimatiche particolarmente sfavorevoli.

Valutazione illuminotecnica (da mettere nella sezione agenti fisici)

Misure di Illuminamento secondo la norma UNI EN 12464-1 / UNI EN 12464-2:

  • in caso di progettazione nuovi ambienti di lavoro per i quali è necessario determinare le caratteristiche dell’illuminazione artificiale
  • per determinare, in ambienti esistenti, se il livello di illuminazione presente in base alla destinazione d’uso è conforme alla normativa vigente

Possiamo supportarti nell'adempimento degli obblighi normativi!